Categorie
Articoli

Intervista al Subcomandante Moises “Abbiamo fatto quel che serviva”

articolo e foto di DIEGO ENRIQUE OSORNO per Milenio

Traduzione di 20zln

02.01.2021

Per i 27 anni dell’insurrezione armata dell’EZLN, il subcomandante Moisés afferma: “Abbiamo fatto quel che serviva”. 

La chiacchierata di ieri con l’attuale dirigente zapatista che quel 1° gennaio del 1994 ricopriva il grado di maggiore, ruota intorno alla data del calendario marcata dai ribelli indigeni con la loro insurrezione.

—Per capire il ’94, bisogna tornare indietro, puoi raccontarci gli anni prima della sollevazione?

—Sì, nel 1983 sono arrivati alcuni compagni sulle montagne del Sud-est messicano e diciamo che hanno iniziato a reclutare i compagni, sono così aumentati i membri dell’organizzazione, poi hanno iniziato con i villaggi, insomma, dall’83 fino al ’93 è stato il periodo del reclutamento, il periodo della clandestinità.

I compagni sono stati cercati uno per uno e poi è cambiato il modo, il metodo di reclutamento, perché i popoli, le comunità indigene hanno le proprie modalità, si conoscono collettivamente, come gruppo, quindi sono stati reclutati quelli con una certa autorità morale. Da lì ci siamo organizzati con i villaggi, adesso sì, perché già cominciavano ad esserci quelli che oggi chiamiamo villaggi e poi regioni. Una regione è composta da più villaggi, ci sono regioni che ne hanno 20 o 30 e così via, questo è quel che chiamiamo una regione.

E mentre stavamo crescendo nei villaggi e nelle regioni, politicamente, ci siamo preparati militarmente, i compagni e le compagne si sono organizzati, finché è arrivato il giorno, e si è deciso: adesso sì, è ora, dobbiamo uscire.

– Che impatto ha avuto sull’organizzazione l’arrivo di alcuni membri dalla città in quegli anni?

– Si cominciarono a capire molte cose, perché le comunità non erano organizzate in quel modo. Sto cercando di dire quanto sia stato importante l’arrivo dell’EZLN, che ha cominciato a prendere in considerazione le donne, che prima non venivano prese in considerazione. Sebbene esistessero alcune organizzazioni, non venivano mai prese in considerazione. Questo è quello che è successo, quello che ha rappresentato in quel momento, c’era più organizzazione e rispetto per le donne.

– Il 1° gennaio del 1994, lei ricopriva l’incarico di maggiore, ancora non era subcomandante. Come ha vissuto i preparativi di quel giorno?

– Siamo venuti tutti, come insorgenti o come truppe, siamo venuti tutti a prepararci. Prima ancora che come maggiore, sono arrivato come insorgente Moisés, ci siamo trovati quindi qui in montagna, aiutando allo stesso tempo a preparare i compagni miliziani; Là, all’interno delle truppe ribelli, dovevamo sostenere degli esami per passare da un grado a un altro, iniziando come sottotenente, luogotenente, poi secondo capitano, primo capitano, poi maggiore e così via. Quindi, sì, il mio grado quando siamo partiti il 1° gennaio del ’94 era maggiore, come era noto pubblicamente. C’è una certa preparazione che abbiamo ricevuto e, parallelamente, un’altra preparazione speciale, perché siamo usciti in città, perché è diversa la montagna dalla città, e dovevo stare con il compagno subcomandante insorgente Pedro, che era il mio comandante, è lui che mi stava insegnando, preparando, addestrando.

E sì, ci ha insegnato e spiegato molte cose, mi diceva che a quei tempi, prima del 1994, avrei dovuto prepararmi “perché un giorno succederà proprio come sto facendo adesso con te”, che dovremo spiegare cosa siamo e un giorno dovremo parlare con il popolo del Messico, gli insegnanti, gli studenti, i lavoratori eccetera, ci diceva.

– Cos’altro vi consigliava il subcomandante Pedro durante quegli anni di formazione?

– Diceva anche che bisognava prepararsi, perché non si sa a chi tocca morire, e sì, è proprio vero. E oggi lo vediamo, eravamo clandestini, ma ora ci stiamo organizzando con i compagni, come in questo caso del Congresso Nazionale Indigeno, ora stiamo lavorando apertamente con il popolo. Poi è successo quello che è successo, come aveva detto lui, quando siamo partiti all’alba del 1994, ho dovuto fare quello che mi competeva, quello che mi aveva detto lui, qualunque cosa fosse successa, dovevo andare avanti e assumermi la responsabilità, e sì, ho capito quello che mi aveva detto dall’inizio: qualunque cosa accada, bisogna continuare a lottare ed eccoci qui, l’abbiamo fatto.

– Com’è stato per lei il 1° gennaio del 1994?

– Insieme al subcomandante insorgente Pedro mi era toccato prendere la presidenza di Ocosingo. A lui era toccato stare di fronte alla presidenza e io da un lato, dov’era posizionata la polizia, quindi quel che è successo è che siamo rimasti separati dalle rispettive posizioni, ma ci eravamo detti che avremmo comunicato nel momento in cui saremmo andati alla presidenza municipale.

Stavo aspettando il suo ordine, ma, quando non è arrivato ho dovuto inviare un elemento di collegamento per sapere cosa stava succedendo. Questo ha richiesto molto tempo ma poi ha riferito che il sub Pedro era caduto in combattimento, quindi da quel momento ho dovuto assumere il comando e decidere cosa bisognava fare. E la prima cosa che è stata fatta è stato andare a recuperare il corpo del compagno subcomandante insorgente Pedro, l’ho recuperato, gli ho sollevato la testa, gli ho parlato per vedere se ancora era vivo, ma non lo era, e così abbiamo portato portato il suo corpo in una comunità Zapatista.

Ma dovevamo andare avanti, è quello che dovevamo fare in quel caso, dovevamo andare avanti. È quello che stavo organizzando, dovevamo avanzare in un’altra città, Comitán, ed è quello che stavamo facendo, ci stavamo muovendo per organizzare l’avanzata, poi è arrivato l’ordine di ritrarsi dal subcomandante insorgente Marcos, ed abbiamo dovuto ripiegare perché quello era l’ordine. E così è stato.

deo@detective.org.mx

https://www.milenio.com/opinion/diego-enrique-osorno/detective/hicimos-lo-que-tocaba-sub-moises

https://www.milenio.com/opinion/diego-enrique-osorno/detective/hicimos-lo-que-tocaba-sub-moises

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *